Il percorso: provincia di Gorizia

Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo


La Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo (che nasce sulle Alpi Giulie, in Slovenia e termina il suo corso nel golfo di Trieste, fra Monfalcone e Grado)...

leggi di più...

Visualizza Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo in una mappa di dimensioni maggiori
 

Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo


La Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo (che nasce sulle Alpi Giulie, in Slovenia e termina il suo corso nel golfo di Trieste, fra Monfalcone e Grado), istituita nel 1996, occupa una superficie di 2.406 ettari sulla terraferma a cui si aggiungono 1.154 ettari in acqua. Il territorio della Riserva è incluso nei comuni di Staranzano, San Canzian d'Isonzo, Grado e Fiumicello. Quest’area, che costituisce una delle aree di maggior interesse naturalistico in Italia e la zona umida più settentrionale del Mediterraneo, comprende, oltre all’isola della Cona, anche il canale Quarantia, il Caneo, e la località Alberoni. Sino alla fine del XIX secolo, tutta l’area si presentava caratterizzata da una natura selvaggia con una prevalenza di vegetazione palustre e boschiva; molte risorgive confluivano nel canale Quarantia che separava l'isola della Cona dalla terra ferma. Durante il ventennio fascista, furono avviati importanti lavori di bonifica per rendere la zona terreno coltivabile e solo nel 1976 si iniziò una graduale operazione di ripristino delle aree palustri che prevedeva anche il riallagamento dell'isola della Cona; nel 1996 viene istituita la Riserva Naturale che oggi costituisce una delle aree di maggior interesse naturalistico in Italia e la zona umida più settentrionale del Mediterraneo. Sull'isola della Cona si trova il centro visite, da cui partono i sentieri per gli osservatori naturalistici costruiti sul modello dei casoni lagunari, caratteristiche capanne di legno e canna palustre. Il più grande di questi osservatori è quello “della Marinetta” che si sviluppa su tre piani e domina l'area del "Ripristino". Al piano terra, che si trova sotto il livello della laguna, ci sono dei finestroni a tenuta stagna, da cui si può osservare la parte immersa dello stagno; dal primo e dal secondo piano si ha una visione panoramica di tutta la riserva. La caratteristica di questa zona, su cui poi fonda le sue finalità, è la presenza di una elevata biodiversità che, in un ambiente palustre, presenta numerosi habitat diversi per specie animali e vegetali. Spiagge selvagge e banchi lagunari si alternano ad ampie zone paludose; un piccolo tratto alberato detto "Bosco Grande" è un modesto residuo di quella che i romani chiamavano “Silva lupanica”. Durante la bassa marea, si vedono affiorare lentamente i fondali marini sabbiosi o fangosi ricoperti dalle alghe che offrono rifugio e cibo a varie specie di uccelli. Nelle barene (aree coperte da bassa vegetazione e sommerse dal mare solo durante le alte maree eccezionali), tra i giunchi marittimi e il limonio, trovano riparo e protezione dai rapaci diurni e notturni il chiurlo maggiore (divenuto simbolo della riserva) e l’elegante airone cinerino. Le isole sabbiose, ricoperte da scarsa vegetazione, sono delle ottime aree di sosta per cormorani e gabbiani, mentre nelle zone più rilevate di queste “isole” si sviluppano fitte boscaglie di eleganti salici. Per la varietà dei suoi ambienti naturali, la riserva è ricca di un’ampissima gamma di specie vegetali, tipiche degli ambienti d’acqua dolce, salmastra o salata: il pioppo, l’ontano nero e il salice bianco, vari pioppi. Lungo l’area compresa tra l’argine e il fiume si sviluppa una vegetazione caratterizzata dal bosco, nelle zone più asciutte, e dal canneto (caratterizzato dall’incontro dell’acqua dolce del fiume proveniente da nord e dall’acqua salata del mare a sud) in quelle regolarmente allagate. Le peculiari caratteristiche ambientali della riserva offrono un habitat ideale per la riproduzione o la sosta di molte specie animali, tutte di particolare interesse, rare o inconsuete: l'aquila imperiale, l'aquila di mare, il falco della Regina, il cavaliere d'Italia, il falco di palude, il cigno reale e l'airone rosso maggiore sono solo alcuni esempi della grande varietà di uccelli. Ma la fauna della riserva è ricca anche di un certo numero di specie di mammiferi come il capriolo, la volpe, il tasso, il cinghiale e la lepre oltre a numerose specie di roditori e insettivori. Gli anfibi ovviamente abbondano, con varie specie di rane, raganelle, rospi e tritoni; molti inoltre i rettili fra cui la testuggine acquatica, le bisce d’acqua e il ramarro. Nel 1991 sono stati introdotti nella riserva alcune coppie di cavalli Camargue, una razza molto antica allevata allo stato brado nella regione del delta del fiume Rodano, nel sud della Francia. È un animale robusto, dal manto chiaro, con arti brevi e uno zoccolo largo, adatto alla vita nelle zone umide; si nutre prevalentemente di canne ed erbe di palude. Proprio questa sua caratteristica contribuisce alla conservazione dell'ambiente della riserva limitando lo sviluppo delle piante più forti e diffuse. La presenza di cavalli in questa zona è legata anche a una leggenda riportata dal geografo Strabone, nella quale si narra che qui Diomede, uomo di Tracia, allevasse dei bianchissimi cavalli dedicati alla dea Diana. Fra le strutture ricettive della riserva si trova anche il Museo della Papera, una piccola ma interessante esposizione che ripercorre il millenario rapporto tra l'uomo e l'anatra, attraverso un percorso che si snoda dall'antichità ai giorni nostri; ci sono vari spazi tematici, dove si intrecciano tradizione e attualità, alla scoperta delle specie presenti nella riserva e delle varie tecniche di caccia. Il museo è un ottimo punto di osservazione degli ampi spazi che lo circondano grazie anche al potente cannocchiale messo a disposizione per l’osservazione della fauna circostante.


Riserva naturale regionale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa


La Riserva naturale regionale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa (che occupa una superficie di 727 ettari ) si trova al limite occidentale dell'altopiano carsico...

leggi di più...

Visualizza Riserva naturale regionale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa in una mappa di dimensioni maggiori
 

Riserva naturale regionale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa


La Riserva naturale regionale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa (che occupa una superficie di 727 ettari ) si trova al limite occidentale dell'altopiano carsico ed è caratterizzata da due depressioni parzialmente riempite da laghi e separate da una dorsale. Il lago di Doberdò (il cui nome deriva dalla sloveno dober dob “buone querce”) costituisce uno dei pochi esempi di lago-stagno carsico in Europa, privo, cioè di fiumi superficiali che fungano da immissari e da emissari; le acque vi affluiscono attraverso le risorgive e con la pioggia, mentre ne defluiscono solo per assorbimento del terreno (ricco di cavità sotterranee) e per evaporazione. Il livello, dunque, subisce forti variazioni (dell'ordine di metri) in relazione alle portate dei fiumi Vipacco e Isonzo distanti rispettivamente 8,5 e 6,5 km; di conseguenza, nei periodi di magra degli affluenti, il livello delle acque cala molto e la superficie libera, non occupata dal canneto, si riduce a una palude di piccole pozze. A seconda delle stagioni e della piovosità, la superficie dello specchio d'acqua, in pochi giorni, può variare da 80 mq (durante i periodi di siccità, statisticamente in febbraio e luglio) a 400.000 mq (in condizioni di piena, statisticamente in ottobre e giugno). La particolarità del fenomeno ha inciso ovviamente sulla biodiversità sia animale sia vegetale, che è molto accentuata per la copresenza di diversi ambienti naturali quali landa e boscaglia carsica e associazioni acquatiche. La flora è quella tipica del Carso: vegetazione palustre (il fondo del lago è costituito da una spessa copertura melmosa, prodotta dalla fitta vegetazione a cannuccia palustre), noccioli, biancospini, cornioli, sambuchi, salici e pioppi. Queste specie di alto fusto rappresentano un rifugio ottimale per i picchi, fra cui il raro picchio rosso minore. Durante il periodo invernale, gli spazi acquatici costituiscono importanti punti di sosta per vari uccelli migratori, tra i quali anche la cicogna bianca e il falco pescatore. Molti sono anche i mammiferi che vivono qui: dalle specie molto comuni, come il capriolo, ad altre rare e difficilmente osservabili, come lo sciacallo dorato (l'unica specie che non vive esclusivamente in Africa e ritenuto in passato l'antenato di alcune razze domestiche, potendo tuttora incrociarsi con i cani comuni). Il secondo lago, il Lago di Pietrarossa, anch’esso uno dei pochi esempi di lago-stagno carsico in Europa, è privo di immissari, formato unicamente da risorgive ed acque di depluvio. Nascosto, difficile da raggiungere, quasi misterioso, questo lago si trova su una fascia di terreno alluvionale di forma allungata. Le sorgenti dalle quali nascono i ruscelli che alimentano tutta la zona si trovano nella parte nord-occidentale, mentre nella parte sud-orientale si estende il lago e il ruscello emissario. Nei suoi pressi risultano molto sviluppati i saliceti. L’area è infine di notevole interesse archeologico, poiché ospita i resti di vari castellieri, fortificazioni risalenti all'età del bronzo (ca. 2000 - ca. 1000 a.C.) difese da cinte murarie costruite in pietra a secco, testimonianze delle prime forme abitative del Carso. Durante la guerra il castelliere preistorico del Castellazzo è stato fortemente modificato: nel muraglione sono stati ricavati ricoveri e osservatori dell'artiglieria e, nel piazzale, sono stati scavati camminamenti e caverne. Il castelliere di Vertace, che dominava il vallone di Doberdò, era uno dei più vasti presenti sul nostro Carso, con una cinta esterna estesa per oltre un chilometro. Purtroppo anche questo, come gli altri della zona, è oramai poco visibile in quanto distrutto dai bombardamenti della Prima Guerra Mondiale e dalle opere di scavo eseguite dai soldati in conflitto, poiché qui correva uno dei tratti più martoriati del fronte. Resti di trincee e altre strutture belliche affiorano tuttora in tutta l’area.


Parco naturale di Plessiva


Il parco naturale di Plessiva si sviluppa su 33 ettari di bosco, alle spalle del monte Quaŕn, in prossimità del confine sloveno da cui dista circa 20 chilometri...

leggi di più...

Visualizza Parco naturale di Plessiva in una mappa di dimensioni maggiori
 

Parco naturale di Plessiva


Il parco naturale di Plessiva si sviluppa su 33 ettari di bosco, alle spalle del monte Quarìn, in prossimità del confine sloveno da cui dista circa 20 chilometri. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la zona venne utilizzata come polveriera della quale, lungo gli ex tracciati militari, sono facilmente individuabili i resti, soprattutto le basi in cemento delle casematte destinate al deposito degli esplosivi. Questa vasta area demaniale è stata trasformata in parco naturale ricreativo dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nel 1983. Il parco ha due ingressi: attraverso l’area paludosa del Preval (in cui furono rinvenuti resti di insediamenti palafitticoli) che incrocia perfettamente il movimento ondulato del Collio, oppure dal centro di Cormons lasciandosi alle spalle la minuscola e amena località di Subida, nota per la chiesetta nel bosco e per le molteplici risorse agrituristiche. La chiesa fu costruita a seguito di un fatto miracoloso: si narra che il 23 luglio del 1597 un contadino vide i suoi buoi fermarsi e mettersi in ginocchio: guardavano verso un crocifisso, che cominciò a piangere sangue. Il contadino non fu l'unico testimone del sanguinamento del Cristo, che fu poi trasportato nella chiesa più vicina. Ma, nonostante la chiesa fosse chiusa a chiave, il crocifisso ogni sera tornava nel luogo dove era stato trovato. Era chiaro che il Cristo doveva restare dove era apparso: si decise allora di erigere, proprio in quel luogo, questa piccola chiesa in cui, nei giorni di festa, vi si celebra la Messa in lingua friulana ed una in lingua slovena e dove, fin dai tempi più antichi, i cormonesi si recano ogni venerdì della Quaresima per assistere alla Via Crucis. Una rete di sentieri, con ponticelli di legno e gradoni, consentono di attraversare il bosco di Plessiva, ricco di querce, robinie ad alto fusto e alberi di castagno presenti fin dall’epoca romana cui si mescolano, in varia misura, le splendide piante di rovere, mentre nel sottobosco crescono pungitopi, noccioli, rovi e ginepri. Per quanto riguarda la fauna, sono presenti molte specie tipiche della zona come il capriolo, la volpe, il tasso, la lepre, il fagiano, ma numerosi sono anche gli esemplari di gatto selvatico, notoriamente di indole battagliera e aggressiva. Fra gli imponenti alberi e sopra le vigne che si distinguono in lontananza, volteggiano poiane, gheppi e sparvieri. La zona di Plessiva offre uno splendido paesaggio di colline coltivate interamente a vigneto, da cui si raccolgono le uve per alcuni tra i più pregiati vini della zona vitivinicola DOC del Collio.


Riserva Naturale della Val Cavanata


La Riserva Naturale della Val Cavanata è ubicata nella porzione più orientale della laguna di Grado che è stata arginata, dotata di chiuse regolabili comunicanti con il mare...

leggi di più...

Visualizza Riserva Naturale della Val Cavanata in una mappa di dimensioni maggiori
 

Riserva Naturale della Val Cavanata


La Riserva Naturale della Val Cavanata è ubicata nella porzione più orientale della laguna di Grado che è stata arginata, dotata di chiuse regolabili comunicanti con il mare e trasformata in una valle da pesca che ha funzionato fino al 1995. La valle da pesca (dal latino vallum che significa argine o protezione) è un’area lagunare separata dalla laguna aperta da una recinzione fissa costituita oggi da pali o argini nella quale si pratica la vallicoltura, una pratica di itticoltura estensiva. La vallicoltura sfrutta la tendenza naturale del novellame (gli stadi giovanili dei pesci impiegati per ripopolamenti) a migrare in primavera, prevalentemente controcorrente, dal mare aperto verso le acque interne della laguna, e in autunno la tendenza dei soggetti adulti a ritornare in mare per la riproduzione. L’uscita del pesce dalla valle veniva impedita mediante un sistema di griglie chiamato “lavoriere”, una sorta di imbuto originariamente costruito in graticci di canna palustre, che imprigionava il pesce in una vasca centrale dalla quale poteva venire agevolmente pescato. Si tratta di una pratica assai antica, essendo ricordata già in documenti dell'XI secolo, ma deve essere di molto precedente. Nell’antichità le valli, che fungevano anche da riserve di caccia, furono a lungo monopolio dei monasteri e dei nobili che le davano in affitto ai cosiddetti vallesani. Per la presenza degli argini (che escludono gli effetti delle maree e la diffusione di agenti inquinanti dall'esterno) la valle da pesca, nonostante sia di fatto un ambiente artificiale, è dunque fondamentale nel preservare il delicato ecosistema lagunare. Rappresenta inoltre l'habitat ideale per varie specie di uccelli palustri. La Riserva Naturale della Val Cavanata ha funzionato come valle da pesca fino al 1995, quando è stata trasformata in Riserva naturale regionale. Oggi, con i suoi 250 ettari, è una delle valli da pesca più estese della laguna di Grado, anche se è solo una parte di quella valle che è stata realizzata in una zona lagunare e palustre dagli anni Venti in poi, quando iniziarono lavori di bonifica attuati dal regime fascista. I lavori veri e propri iniziarono nel 1933 e terminarono nel 1941; i piani di trasformazione agraria, invece, furono eseguiti tra il 1936 e il 1943. Lo scoppio del conflitto impedì ulteriori sviluppi e molti progetti rimasero solo sulla carta. La bonifica di Fossalon (la località del comune di Grado in cui si trova la Valle) venne scelta come zona di insediamento per una parte dei profughi venuti via dopo il Memorandum di Londra del 1954 dalla “Zona B” del Territorio Libero di Trieste. Il Governo italiano accolse infatti il progetto dell’Ente Nazionale Tre Venezie mirante a sistemare alcune centinaia di famiglie di esuli che avevano lasciato le zone rurali dell’Istria settentrionale. I primi arrivi si registrarono già nel biennio 1943-44; nella laguna arrivarono dapprima gli sfollati di Zara, città pesantemente colpita dai bombardamenti alleati, successivamente vi furono altri approdi; tra il 1947 ed il 1949 la maggior parte delle persone erano originarie di Pola, di Fiume e delle altre cittadine dell’Istria meridionale ed occidentale, ossia dei territori ceduti alla Jugoslavia. Tra le comunità più numerose ricordiamo quella di Rovigno (con oltre duecento persone), di Parenzo, di Orsera, di Fasana e di Albona. Grado fu scelta come meta in quanto geograficamente molto vicina all’Istria, ma anche perché quel territorio presentava non poche caratteristiche comuni con le genti dei lidi dirimpettai. Le due comunità avevano sempre condiviso nei secoli passati la stessa cultura di stampo veneto, gli stessi valori, le stesse usanze e consuetudini, e anche la storia politica ed amministrativa era stata spesso comune e queste vicinanze culturali, religiose e linguistiche favorirono subito l’inserimento degli esuli nel tessuto sociale gradese. Inoltre, una parte rilevante della popolazione della costa istriana si occupava di pesca e poté, pertanto, continuare a esercitare la tradizionale attività. Alcune di quelle famiglie si stanziarono nelle campagne di Fossalon, dove ottennero dei poderi (in tutto 142 unità) di superficie pari a cinque ettari, mentre 12 avevano una dimensione pari al doppio. Le zone orientali della laguna di Grado sino al primo dopoguerra erano paludose e insalubri e predominava la malaria. Con la “redenzione”, il comprensorio situato tra il mare, l’Isonzato, Punta Sdobba ed i canali di Zemole, Primero e Cucchini furono interessati dai lavori di trasformazione fondiaria ed il comprensorio fu battezzato “Bonifica della Vittoria”. Negli anni Cinquanta furono completate le opere di bonifica nei territori posti a nord della valle che ridussero drasticamente la sua superficie, raggiungendo le attuali dimensioni. Dopo le alluvioni del 1965 e 1966 fu rinforzato l'argine a mare e chiuso il Canale Cavanata e venne realizzata l'attuale spiaggia. La Valle è un alternarsi di canneti e giuncheti, di specchi d'acqua, isolotti e limitate estensioni di terra emersa coperta da una folta vegetazione dove trovano riparo e nidificano il germano reale. l'alzavola, la marzaiola, il gabbiano reale e l'oca selvatica (capostipite di tutte le oche domestiche e simbolo della Riserva) oggetto di una favorevole opera di reintroduzione e ora stabilmente presente con un centinaio di individui. Proprio per non disturbare i volatili, che durante il periodo migratorio raggiungono migliaia di esemplari appartenenti a ben 260 specie diverse, la Valle non si può attraversare, ma vista la sua limitata estensione, si presta sicuramente all'osservazione percorrendo semplicemente le strade che la costeggiano. La presenza di numerosi ambienti nella riserva fra il mare e la terraferma (laguna, spiaggia, bosco, prato, valle da pesca, stagno) rende la visita particolarmente interessante e varia, soprattutto per gli appassionati di birdwatching. Partendo dal Centro Visite, si possono intraprendere due principali itinerari. Il primo, il percorso della Valle, conduce all’osservatorio della Sabbia da dove si può ammirare l’intera ex valle da pesca e gli stormi di uccelli acquatici che sostano nelle sue acque. Si prosegue poi fino ad arrivare al “lavoriere”, la struttura tradizionale fatta di legno e canna palustre per la cattura del pesce posta nelle vicinanze del canale Primero, che fa da confine della Riserva. Il secondo itinerario inizia sempre dal Centro Visite e, attraverso la strada alberata che segue il canale Averto, un tempo ramo del fiume Isonzo, conduce fino alla costa. Qui, salendo le numerose scalinate in cemento che costeggiano l'argine, si ammira un panorama superbo: la maestosità del golfo di Trieste e, nelle giornate particolarmente limpide e terse, la costa istriana. Procedendo oltre il Cancello, da cui si contempla anche un tratto di spiaggia selvaggia, si raggiunge Casa Spina, che offre un’ottima visuale sulla peschiera. Poco più avanti c’è la torre che ospita il potente radar meteorologico dell’OSMER (Osservatorio Meteorologico Regionale ) che scansiona il cielo alla ricerca delle perturbazioni.


Laguna di Grado


La laguna di Grado, che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno, occupa una superficie di circa 90 chilometri quadri...

leggi di più...

Visualizza Laguna di Grado in una mappa di dimensioni maggiori
 

Laguna di Grado


La laguna di Grado, che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno, occupa una superficie di circa 90 chilometri quadri ed è divisa in un settore orientale (palù de sora) e in uno occidentale (palù de soto) dalla diga sulla quale si snoda la strada che collega Grado alla terraferma. La storia di Grado è strettamente legata a quella di Aquileia e del suo porto fluviale, sorto lungo le rive del fiume Akilis-Natisone. La laguna presentava, allora, un aspetto molto diverso dall’attuale, peresentandosi molto più simile ad una campagna solcata da canali. Faceva parte dell’ampio sistema portuale Aquileiese, era appunto il “gradus”, cioè lo scalo, dove le navi d’altura trasbordavano le loro merci su imbarcazioni più piccole, che risalivano il Natisone (Natissa) sino alla metropoli romana. Quando nel 568 Grado divenne sede del Patriarcato di Aquileia in seguito all'invasione dei Longobardi, acquisì un ruolo politico e religioso di primo piano, testimoniato dalla costruzione delle maestose basiliche di Santa Eufemia e di Santa Maria delle Grazie, entrambe della fine del VI secolo. L'emergere di Venezia come centro dominante delle lagune venete segnò però il lento declino dell'isola che divenne un povero paese di pescatori. Con il trattato di Campoformido (1797) Grado entrò a far parte dei domini della casa d'Austria e ricominciò un lento ma costante risveglio: agli inizi del Novecento era già una stazione balneare molto apprezzata, tanto da ospitare personalità come Freud e Pirandello e numerosi rappresentanti dell’aristocrazia asburgica che qui soggiornavano per i bagni e per le rinomate terme marine. In seguito venne costruita la diga con la passeggiata a mare e il caratteristico porticciolo interno; nel 1936 Grado fu collegata alla terraferma con un ponte che pose fine al secolare isolamento dell'isola. La laguna di Grado si può suddividere in due bacini quasi indipendenti, "Palù de sora" (zona orientale) e "Palù de Soto" (zona occidentale) rispetto alla strada su terrapieno che collega Grado alla terraferma. Più vasta e più aperta con notevoli spazi acquei la zona occidentale, più interrata e percorsa da ben delimitati canali meandriformi quella orientale. Il “Palù de Soto” ha una storia millenaria testimoniata sia da ritrovamenti archeologici, sia da monumenti costruiti sulle isole principali disposte lungo i canali. Nella tarda estate del 1986, un pescatore di Marano Lagunare recupera in mare aperto, tra Grado e Marano, alcuni frammenti di anfore: sono i primi reperti di un'antica nave romana oneraria (un mercantile lungo circa 13 metri e largo 6 della metà de Il secolo d.C.) poi denominata Iulia Felix, che si era inabissato nella laguna con tutto il suo carico di anfore contenenti prodotti della lavorazione dei pesce. La piccola isola di San Pietro d'Orio, che conserva tracce di un antico tempio romano dedicato ad Apollo-Beleno, divinità particolarmente venerata nella città di Aquileia e sulla quale, nei secoli successivi, i monaci benedettini costruirono un convento che fu attivo per quasi mille anni, per poi declinare assieme all’isola, sempre più minacciata dall'avanzare del mare. L’isola di Gorgo (già Santi Cosma e Damiano), ancora attraversata dall’antica strada romana che univa Aquileia con Grado, ai lati della quale sono stati trovati numerosi resti romani con tracce di pavimenti e capitelli indicanti costruzioni patrizie, ancora oggi dedicata all’agricoltura e all’allevamento di cavalli e capre. San Giuliano, che nel IX secolo ospitava un monastero e che conserva numerosi resti di ville romane, testimonianza forse di antiche residenze “balneari” di ricchi commercianti aquileiesi. sfuggiti per un po’ dalle preoccupazioni e dagli impegni in una grande città com’era Aquileia, soffocata dal caldo e dalla polvere estiva. La pineta San Marco con le sue frescure estive, e l’Ara Storta, grande isola dedicata da sempre all’allevamento del pesce dove, secondo una leggenda, sono state ritrovate grandi ossa di uomini alti più di 2 metri, (facendo presupporre la presenza di guerrieri di epoche lontane, forse celti). L’isola dei Beli, uno spettacolo di alberi secolari e selvaggi, casa di migliaia di uccelli. A proposito di quest’isola esiste una vecchia storia che racconta, sottovoce, di stregonerie di fatti strani che succedevano a chi disturbava il lavoro degli uomini di casa o si permetteva di invadere il loro territorio di pesca: si diceva che la vecia Bela, piccola e rugosa, vestita di nero, avesse il potere di lanciare maledizioni che si avveravano sempre. L'isola più occidentale è Anfora (il cui nome deriva dalla grande quantità di cocci e di anfore che si trovavano un tempo in quella zona a causa dei numerosi naufragi), che acquisì importanza strategica nel 1866, quando segnò il confine tra l'Italia e l'Impero Austro-Ungarico, che la dotò di una piccola caserma. Oggi ospita il piccolo abitato di Porto Buso. Qui ritroviamo anche gli ultimi casoni di questa parte di Laguna, uno dei quali è entrato a far parte della storia del nostro cinema perché Pier Paolo Pasolini nel 1974 vi girò gli esterni del film “Medea”. In queste abitazioni, che sono divenute l’emblema della laguna, viveva un gran numero di pescatori che si costruivano i casoni utilizzando lo scarso materiale che si può trovare in loco: pali in legno di varie dimensioni, canne, paglia e vimini. Sono formati da un unica stanza con "fogon" (focolare) e hanno la porta orientata a ponente per ripararsi dalla Bora, il freddo vento che soffia dall'est. La laguna orientale (palù de sora) è la più recente e la meno profonda. Dopo la bonifica dell'area del Fossalon, realizzata nella prima metà del secolo scorso, la sua superficie è sostanzialmente dimezzata. Rispetto alla laguna occidentale è meno ricca di isole, tra le quali rientra quella della Schiusa, creata recentemente con materiale di riporto e ormai interamente urbanizzata e integrata con Grado, cui è collegata con due ponti. Ma l’isola principale è Barbana, che ospita da circa 1500 anni un antico santuario mariano ed è abitata in modo stabile da una comunità di frati francescani. In epoca romana vi sostavano le navi in “quarantena” prima di trasferire le merci nel porto di Aquileia, ma la leggenda fa risalire la costruzione di un primo santuario al 582 su disposizione del Patriarca di Aquileia, Elia, quando sull'isola fu ritrovata una statua della Madonna nei pressi della capanna degli eremiti Barbano (da cui l’isola avrebbe preso il nome) e Tiralesso, dopo un violento uragano che infuriò su Grado. Alla Madonna vengono attribuiti numerosi fatti miracolosi riguardanti salvataggi in mare e in laguna. Dal 1237 ogni prima domenica di luglio, la comunità gradese si reca in processione a bordo di barche, addobbate a festa, all'isola di Barbana, per rinnovare l'antico voto alla Madonna che avrebbe salvato il paese dalla terribile epidemia di peste. Il tutto risale a quando il Patriarca di Grado, Leonardo Querini, convocò i padri di famiglia e decise di far voto alla Madonna di Barbana: il voto prevedeva che ogni anno, ed in perpetuo, almeno una persona per ogni famiglia di Grado partecipasse alla processione che, attraverso la laguna approda all'isoletta, per chiedere alla Madonna di Barbana il "perdòn". Il santuario, come appare allo stato attuale, risale all'intervento di restauro del 1926; si può scorgere da lontano l'alto campanile, punto di riferimento della laguna di Grado. Il paesaggio vegetale della zona costiera della laguna di Grado è attualmente dominato da colture e appare fortemente alterato. Fra le specie introdotte dall’uomo è molto facile trovare la canna gentile, pianta alta fino ad oltre 4 metri, un tempo usata come tutore per alcune coltivazioni. Molto tipiche sono poi le pinete costiere costituite prevalentemente da pino d'Aleppo, pino nero e pino domestico. La pianta più tipica della laguna, con i fiori violetti, foglie in rosetta e robustissime radici è il limonio; tra le altre piante presenti si può ricordare il giunco, con il quale anticamente venivano ricavati cordami per l’armatura delle reti da pesca. In zone più emerse, ad esempio presso le valli da pesca o in tratti arginati, si trova di frequente l’assenzio litorale, pianta tipica di ambienti più aridi. L’habitat della laguna di Grado è ideale per decine di specie di uccelli acquatici che vi nidificano o che vi fanno tappa nel periodo delle migrazioni, come gli aironi cinerini, le folaghe, i germani reali, le alzavole, le marzaiole, le anatre, i cormorani e i gabbiani, ma anche specie decisamente rare come i fenicotteri e gli stercorari. Un servizio regolare di traghetti e motonavi consente piacevolissime escursioni in laguna, con la possibilità di raggiungere numerose isole.


Scarica pdf percorso Download pdf percorso